Come conservare e consumare il prosciutto?
Dic19

Come conservare e consumare il prosciutto?

Conservare diversi tipi di cibo può significare un mondo. Alcuni nel frigorifero, alcuni fuori … Che disordine! Beh con il prosciutto la stessa cosa succede. Dipende dal formato (prosciutto intero, disossate cut) dove viene servito il prosciutto, i modi di conservare sarà diverso. Per non sprecare il tuo pezzo, ti daremo alcuni trucchi e alcune istruzioni di base. Senza ulteriori ritardi, cominciamo. Intero prosciutto – Tenere insieme e non pelati, se non avete intenzione di consumare tutti nello stesso giorno. – Conservare in un luogo fresco e asciutto, che non sia direttamente esposto alla luce solare. – Coprire il taglio con un panno di cucina pulito o con la stessa copertura del prosciutto. Se si vive in zone con clima molto secco, si può anche coprire il taglio con il grasso in modo che non si secchi. – Tagliare solo la porzione da consumare e provare il prosciutto appena tagliato. Il sapore è unico! – Potrebbe richiedere mesi per consumarlo. Anche se le note del pezzo un po ‘più asciutta, si può consumare la stessa, sarà altrettanto deliziosa. Prosciutto senza seno – Conservare in un luogo fresco e asciutto lontano dalla luce diretta del sole. – La temperatura di stoccaggio deve essere costante e, se possibile, fredda. Il frigorifero è il luogo perfetto per mantenerlo. – Quando si va a consumare, tirarla fuori per un po ‘prima che il frigorifero per prendere la temperatura parte. – Salvare il pezzo in un tappatore per evitare il contatto con agenti esterni. – Taglia solo quello che intendi consumare. – Utilizzare una tavola e un coltello affilato per fare delle fette migliori e più sottili. Tagliare il prosciutto – Conservare le fette in un luogo buio, fresco e asciutto. – Conservare le fette in un contenitore per evitare il contatto diretto con agenti esterni. – Prendere la parte del frigorifero consuma un po ‘prima di mangiare di lasciar riposare e quindi prendere la temperatura. E ‘essenziale che si sa come preservare il prosciutto per evitare che sprecare la vostra parte (o loncheados è stato acquistato) o si può consumare in rovina. Se si desidera acquistare prosciutto serrano o perché avete più idee su come conservarlo, acquistare...

Read More
Da dove viene l’idea del Cesto di Natale?
Nov17

Da dove viene l’idea del Cesto di Natale?

Ci sono costumi che abbiamo tenuto per anni, convinti che siano tipici della nostra terra e della cultura spagnola. Una tradizione consolidata in questo momento è quella di offrire a clienti, dipendenti o amici un cesto pieno di cibo e bevande: questo è il famoso e atteso per tutti “Il Cesto Natalizio” Ma qui dovrebbe essere sottolineato che la tradizione di dare un cesto con il cibo era già conosciuta in epoca romana. Lo chiamavano “sportula” perché, per questo scopo, veniva usato un cesto di sparto. Nel corso del tempo, il nome di sportula è diventato sinonimo di un regalo o una ricompensa. A dicembre c’era una sportula molto importante, che coincideva con Saturnalia, in onore del dio Saturno. E ‘stato celebrato con sacrifici di animali e banchetti pubblici. Questo festival era molto popolare tra la gente e durò diversi giorni fino al 25 dicembre. Durante queste cerimonie, le case erano decorate con piante e candele accese. I regali tra amici e familiari sono stati fatti, scambiando sport con olive, alloro, fichi secchi e altri cibi. Era la fine del periodo oscuro dell’anno e l’inizio del periodo di luce; la nascita del Sol Invictus, in coincidenza con il solstizio d’inverno e l’inizio dei giorni più lunghi. Queste celebrazioni facevano parte della civiltà romana e la gerarchia cristiana aveva grossi problemi per terminare la sua esibizione. Non c’era altro rimedio che sostituire la nascita del dio romano Sol Invictus per la nascita di Gesù di Nazareth. Alcuni dei costumi precedenti sono stati adattati alla festa cristiana che ora si chiama Natale. l Natale è quindi un’assimilazione da parte della Chiesa dei costumi pagani, garantendo alla figura di Gesù Cristo lo stesso carattere simbolico della rinascita come al sole. Oggi anche queste date ci incoraggiano a offrire doni per mantenere e rafforzare i collegamenti che abbiamo creato. Dare un cestino con del buon cibo è più vecchio di quanto si possa pensare. È cambiato per riflettere le buone relazioni tra i ricchi e la plebe dell’antica Roma da adottare nella vita di oggi. Speriamo che questa bellissima usanza continui a crescere. Sappiamo tutti che la generosità vale la pena. Se ci pensi anche, è una buona idea regalare un cesto natalizio, ecco le nostre...

Read More
Tipi di prosciutto iberico: chiariremo
Nov16

Tipi di prosciutto iberico: chiariremo

Popolarmente, tutti i prosciutti sono conosciuti come “Procuitto di Jabugo” o “Procuitto di Pata Negra”, indipendentemente dalla loro razza o purezza. Siamo spiacenti di spezzare i tuoi schemi, ma non è proprio così. A priori, non è sempre facile distinguere tra tutti i tipi di prosciutto, le sue varianti e tutte le sfumature che possiamo trovare nel mondo del prosciutto, che sono poche. Vogliamo che tu sappia cosa significa la festa quando si acquista un prosciutto, quindi spiegheremo alcune delle caratteristiche più importanti dei prosciutti e del mondo che ti circonda. Possiamo fare i vari tipi di classificazioni: per razza (maiale iberico o maiale bianco), la purezza della razza (se il 50% o 100%) e il tipo di alimentazione (Bellota, esche e esche campo) ha portato il maiale nella sua stagione di crescita. Infine, sarebbe la seguente classificazione: Prosciutto iberico di Bellota 100%: Questo significa che il maiale è il 100% della razza iberica ed è stato nutrito di ghiande e erba naturale fino a raggiungere i 50 chili. Per essere considerato al 100%, entrambi i genitori devono essere di razza iberica. Il colore della sua briglia è nero e è il tipo di prosciutto di qualità superiore. Prosciutto iberico di Bellota 50%: Questo significa che il maiale è il 50% della razza iberica, la progenitor femminile della razza iberica e il progenitore maschio della razza duroc. Come nel maiale 100% iberico, il maiale è stato nutrito di ghiande e erbe naturali fino a raggiungere i 50 chili. Il colore della sua briglia è rossa e sono i prosciutti di altissima qualità. Proscuitto Iberico di Cebo de Campo: Questo significa che il maiale è stato alimentato con erbe, mangime e alcune ghiande. Sono cresciuti in grandi spazi, dal momento che quando la carne di maiale può spostare il prosciutto è di migliore qualità in modo da favorire l’infiltrazione del grasso. Il colore della sua briglia è verde scuro e questo sarebbe l’equivalente più simile al prosciutto “di ricevere” estinto. Prosciutto Iberico de Cebo: Questo significa che il maiale è stato alimentato esclusivamente con il mangime fino a raggiungere il peso minimo e l’età per essere macellato. La sua flangia è di colore bianco, indipendentemente dalla purezza della razza. Ci sono Denominazioni di Origine, fondamentalmente sono certificazioni sull’origine del maiale e il prosciutto di conseguenza. Questo ci permetterà di conoscere l’origine del maiale, dove è stata sollevata e dove è stata sacrificata. All’interno di queste classificazioni, quelli più conosciuti e popolari sono Jabugo-Huelva, Guijuelo (Salamanca) e Dehesas de Extremadura. Vogliamo che tu sappia cosa comprate, poiché l’acquisto di un buon prosciutto è una questione di fiducia. Come si può notare, il...

Read More
Come scegliere il tuo portafoglio ideale del prosciutto? Parete o tavolo?
Sep26

Come scegliere il tuo portafoglio ideale del prosciutto? Parete o tavolo?

Con l’arrivo dell’inverno, le numerose feste e le festività natalizie, ci piace godere dei prosciutti di qualità, tra gli altri prodotti. La qualità del prosciutto può dipendere in alcuni casi dal taglio che ha il nostro prosciutto o spatola. Anche se sembra insignificante e anche assurdo, il prosciutto ha un ruolo molto importante. Potete vedere che ci sono diversi fattori che influenzano la qualità e il taglio del prosciutto e tra essi è la scelta del prosciutto giusto per ogni occasione. E ‘importante scegliere un prosciutto che viene adottato alle nostre esigenze al 100%, in cui possiamo lavorare comodamente il nostro prosciutto o spatola per evitare danni fisici e per evitare di sprecare il nostro pezzo. Se stai pensando di dare (o autoregalarte) un jamonero ma non sapere quale scegliere, rimanete con noi e vi spiegheremo. Quando scegliamo il nostro prosciutto di supporto, è importante prendere in considerazione una serie di fattori che influenzeranno in modo particolare la nostra scelta. Questi sono i seguenti: –Il tempo, la forma e le dimensioni del prosciutto: quanto al prosciutto, che hanno una buona stabilità, è fondamentale e in questo aspetto la stabilità e il peso sono i primi cugini. È importante utilizzare il vostro jamonero in un posto spazioso dove poter lavorare bene il prosciutto senza danneggiarti, che ha peso che contribuisce alla stabilità e che è comodo lavorare su di lui. –Usa per dare: dipende da voi che vuoi il prosciutto, vi raccomandiamo uno o l’altro. Non è lo stesso prosciutto che ti raccomandiamo se sei un taglierista professionale del prosciutto e lo usi ogni giorno che lo consigliamo se lo usi solo nelle vostre riunioni di famiglia e nelle vacanze designate. Se lo desideri per un uso professionale, la storia cambia molto. – Rotazione / non rotazione: l’impugnatura è una delle parti più importanti del prosciutto con la base. Se il fissaggio sta ruotando, ci permetterà di girare il prosciutto senza toglierlo dal prosciutto, che vi porterà abbastanza comfort. –Antislip base: quando si taglia il prosciutto, non c’è niente di più scomodo che il martello si muove e che possiamo scivolare, quindi è molto importante avere elementi antiscivolo nella base, come ad esempio le ventose che aderiscono un controsoffitto. – Lo spazio che hai: come abbiamo spiegato in precedenza, lo spazio disponibile è un fattore meno importante per la scelta di un prosciutto. Questo sarà il fattore che determina se si misura più un prosciutto a parete o un prosciutto da tavolo. In breve, la scelta del prosciutto si baserà soprattutto sullo spazio in cui si va a lavorare e ciò che si desidera utilizzare (domestico, professionale o entrambi). Se...

Read More
Perché i prosciutti sono appesi?
Ene22

Perché i prosciutti sono appesi?

È tipico trovare il prosciutto in qualsiasi stabilimento in due modi: il primo è nel porta prosciutto, quando ha cominciato a tagliarsi. Il secondo è il prosciutto appeso. Vi siete mai chiesti perché? Secondo la tradizione, nel corso dei secoli XVI e XVII, di cristiani appendevano il prosciutto per identificare e differenziarsi dai musulmani, come segno distintivo. Ma essendo pratico, ogni produttore di prosciutto che si rispetti sa che il risultato non è lo stesso se il prosciutto è appoggiato su una superficie. Infatti, il prosciutto appoggiato è nel porta prosciutto accumula muffe e transpira di meno. Il prosciutto appeso favorisce la guarigione con una migliore ventilazione, aiutando a eliminare il grasso in eccesso e l’umidità e migliora...

Read More
Il percorso di prosciutto iberico
Ene02

Il percorso di prosciutto iberico

Il maiale iberico è allevato in quattro zone della Spagna: Salamanca, Extremadura, Cordoba e Huelva; aree di pascoli pieni di ghiande da cui i maiali sono alimentati al momento della Montanera. Salamanca: zona Guijuelo a Salamanca è dove il prestigioso prosciutto Guijuelo è sollevato, il suo basso contenuto di sale dà un gusto dolce e morbidezza al palato. Pedroches Valle (Córdoba): uno spazio che appartiene a Sierra Morena e che gli arabi chiamavano valle di ghiande. Pascoli di Extremadura (Cáceres e Badajoz): in questi pascoli i Romani erano impegnati nella produzione di prosciutti. Sierra de Huelva: La zona di produzione di prosciutti e spalle in Huelva è circondata da una caratteristica zona naturale dove i fattori ecologici, insieme a fattori tecnici e umani, si traducono in un prodotto con proprie...

Read More
Real Time Analytics